home
domotica
automazione
tradizionale
fotovoltaico
sicurezza
gallery
contatti
  • dome
  • EPSN2383
  • EPSN2384
  • EPSN2385
  • palo_tel
  • tel_analog
  • to_allarme
  • full screen slider
  • videosorveglianza-analogica
dome1 EPSN23832 EPSN23843 EPSN23854 palo_tel5 tel_analog6 to_allarme7 videosorv_cloud8 videosorveglianza-analogica9
image carousel by WOWSlider.com v7.2








LA SICUREZA E L'ANTI INTRUSIONE



Questo aspetto riveste una grossa importanza nell'impiantistica moderna in quanto provvede a rendere pi? sicure le nostre abitazioni proteggendoci da malintenzionati che sempre pi? spesso tentano di “visitare” le nostre dimore.
La sensazione di sicurezza vuol dire migliore qualit? della vita e maggior tranquillit? nel vivere i propri spazi.
La tecnologia moderna offre un'ampia possibilit? di scelta tra sensori di ogni genere e tipo o tra sistemi di controllo visivo o di semplice dissuasione.
L'impianto di anti intrusione pu? essere realizzato in vari modi :
- TRADIZIONALE con la posa di sensori (infrarossi, microonde, laser ecc...) che collegati in maniera fisica (filare) con la centrale comunicano con essa permettendole di gestire gli allarmi;
- WIRELESS con la posa di sensori che tramite la comunicazione in radiofrequenza
dialogano con la centrale permettendole di gestire gli allarmi;
- MISTO che unisce le due tecnologie con delle interfacce apposite
- VIDEOSORVEGLIANZA con la posa di telecamere atte a controllare visivamente le aree coperte e a generare allarmi in funzione dell'analisi delle immagini .

Ognuno di questi sistemi ha delle caratteristiche che lo rendono pi? o meno adatto in base all'evento da controllare e spesso l 'integrazione di tutti porta al risultato ottimale.
L'integrazione domotica degli impianti anti intrusione da la possibilit? di utilizzare i sensori d'allarme come sensori dell'impianto ad allarme disinserito dando modo di ottimizzare tutto l'impianto elettrico sia economicamente che operativamente.








INTEGRAZIONE



Grazie ai Gateway dedicati si possono integrare i sistemi di antiintrusione con gli impianti elettrici di casa permettendo il completo sfruttamento dei sensori che quando non provvedono a sorvegliare l'abitazione possono essere interrogati dal sistema per ricevere informazioni sulla presenza negli ambienti in modo da applicare dei controlli sulla regolazione climatica o sul controllo luminoso.
Esempio pratico potrebbe essere  il passaggio da confort ad economy del sistema di condizionamento dopo 20 minuti di inattivit? del sensore o la riduzione del flusso luminoso in modo progressivo in modo da dare preavviso della regolazione automatica in atto.
I messaggi inviati sul BUS della centrale antifurto vengono rilanciati in una area di memoria condivisa tra CENTRALE allarme e PLC evitando qualsiasi tipo di interferenza che possa influire sul corretto funzionamento dell'antifurto.






VIDEOSORVEGLIANZA


La videosorveglianza racchiude tutte quelle soluzioni in grado di sorvegliare le aree protette con delle registrazioni continue o ad eventi.
I videoserver possono essere di diversi tipi, ANALOGICI, DIGITALI, MISTI e provvedono alla compressione dei segnali video ricevuti dalle telecamere per l'archiviazione su disco fisso.
Molto importante ? definire la "potenza" del video-server da installare in quanto la qualit? della registrazione e la fluidit? della stessa pu? variare di molto compromettendo l'efficacia dell'impianto.
Ultimamente si hanno anche soluzioni in rete dove il videoserver non ? locale ma allocato su una serie di server ridondanti che provvedono all'elaborazione e archiviazione dei flussi video generalmente provenienti da telecaere  con indirizzamento IP.
I due sistemi hanno vantaggi e svantaggi che impediscono ancora il prevalere di una tecnologia sull'altra, in estrema sintesi:
- videoserver locali hanno costo maggiore di avvio poi non hanno piu costi di esercizio ( a parte manutenzioni straordinarie ) mentre i  videoserver remoti hanno meno costi di avviamento ma costo fisso annuo di servizi di server in rete
- videoserver locali hanno i dati registrati su hard disk locale mentre videoserver remoti hanno i dati registrati su diversi archivi in rete
- videoserver locali necessitano della sola alimentazione elettrica mentre quelli remoti necessitano di una connessione di rete stabile con molta banda per le trasmissioni video
- i videoserver locali se "rubati" non permettono il recupero dei filmati mentre i videoserver remoti non possono essere prelevati essendo dislocati su server sparsi per il mondo e difficilmente identificabili.
Entrambi i sistemi oggigiorno offrono la possibilit? di interfacciamento da remoto tramite servizi di gestione di DNS dinamici o servizi cloud.

La differenza tra telecamere digitali ed analogiche sta essenzialmente nella qualit? delle immagini riprodotte e nel costo degli apparecchi, le analogiche sono piu economiche e meno prestazionali, le digitali piu costose e con definizioni maggiori.















SYSTECH S.n.c.    via Aldo Moro 29  Sondrio  Italia  

contatto

Systech S.n.c. 2008-2014  -  Realizzazione grafica e contenuti by Alberti Cristian